Premio Italo Calvino: la risposta ai rischi di elusione fiscale

premio-italo-calvino

Di fronte alle pressioni giunte da più parti e ai dubbi sulla regolarità fiscale, il Premio Italo Calvino decide di rinunciare all’attività collaterale assimilabile a quella di agenzia letteraria, svolta all’interno dell’Associazione culturale:

Negli ultimi due anni, in via sperimentale, si è proposto agli autori una sorta di contratto (una scrittura privata), da stipulare volontariamente, in base a cui l’autore affida per un certo periodo il proprio testo al Premio, e il Premio trattiene per sé una percentuale degli eventuali proventi, percentuale che si conta sulle dita di una sola mano. L’idea era nata col venir meno dei finanziamenti pubblici alla cultura (sono noti i problemi di bilancio di Comuni, Province e Regioni, e, come si sa, i primi tagli sono stati fatti al settore in cui noi operiamo, considerato improduttivo). Bisogna dire che i proventi che possono derivare da una simile iniziativa sono piuttosto esigui: chiunque conosca il mondo dell’editoria sa quanto poco si offra agli autori esordienti. Ci si può pagare giusto le telefonate e poco più. Pertanto quest’anno tale modalità di finanziamento verrà sicuramente abbandonata.  Naturalmente continueremo con la nostra opera di intermediazione, ma cercheremo altre strade di sopravvivenza economica.

https://giovannituri.wordpress.com/2015/03/03/qualche-domanda-sul-premio-italo-calvino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...