File 65: rating del Premio Strega

La classe di rating attribuita al Premio Strega del 2007 – in cui vinse il romanzo di Niccolò Ammaniti – è BBB: riferita a una letteratura popolare di livello medio, canonicamente omologata, attenta alla medietà del sentire e tarata sulla menomata capacità di fruizione letteraria diffusasi negli ultimi decenni.

L’anno seguente, con la vittoria de La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, si è avuto un declassamento del Premio (downgrading) di ben due livelli, abbassando il rating a BB+. Qui il livello di medietà del prodotto letterario risulta degradato in uno schematismo introspettivo facilmente codificato e decodificabile, che viene espresso in una forma-struttura molto scarna e poco efficace, che si regge sull’ancor più menomato tasso di ricezione letteraria – assolutamente privo di capacità critica – di un lettore medio forgiato e orientato dall’attuale sistema mediatico.

ansa_16173615_46420

Tiziano Scarpa

La tripla B (fascia di valore letterario medio-popolare) si è poi ricuperata nel 2009 con Tiziano Scarpa, la cui opera ha fatto guadagnare al Premio un upgrade, purtroppo di un solo livello, al rating BBB-, a causa della doppia accusa di plagio che ha colpito il romanzo.

Nel 2010, la premiazione di Canale Mussolini di Antonio Pennacchi ha consentito di far crescere il rating al livello superiore BBB: per una letteratura d’impronta popolare ma dignitosa, anche se poco aggiunge a quel che già si produce in questo segmento di mercato. L’esperienza letteraria di Pennacchi è stata in parte guastata dai tentativi di renderlo un personaggio televisivo, tentativi falliti a causa del suo insufficiente appeal e della scarsa qualità dell’eloquio e delle argomentazioni offerte nelle apparizioni in svariati talk-show.

Con la vittoria nel 2011 di Edoardo Nesi, un semi-outsider (poi promosso a deputato al Parlamento nella Lista Civica di Mario Monti), il Premio ha subìto un nuovo declassamento di due gradi, riportando il rating a BB+ e annullando gli sforzi delle edizioni precedenti. Si è premiato un non-romanzo che, nella sostanza, s’è rivelato un mini-memoriale sciatto e fintamente carico di significati civili.

Premio_Strega_2012_01

Alessandro Piperno

L’anno successivo, il premio è stato assegnato alla terza prova narrativa di Alessandro Piperno, su cui molto si è scritto. Questo ha permesso di riportare il rating nell’area della tripla B, con l’upgrading di un livello a BBB-, in considerazione del ritorno in lizza di un oggetto-romanzo ben identificato. Un’opera che cerca di prolungare – ma stancamente e senza costrutto – l’exploit di gradimento ottenuto nel noto esordio autoriale del 2005. In questo libro non v’è nulla di nuovo, e quanto viene riproposto ha un effetto piuttosto iterativo. La political uncorrectness – che prima aveva pagato – viene inseguita dall’autore come un marchio di fabbrica vincente che si teme di perdere, senza però l’ispirazione originaria, giungendo così a un risultato di maniera che non convince affatto. Il troppo tempo lasciato correre per la pubblicazione della “seconda prova” narrativa dell’autore aveva già fatto evaporare l’effetto trainante dell’esordio: un errore rivelatosi fatale, nell’attuale dinamica di mercato divenuta sempre più rapida, superficiale, mercatistica e competitiva.

Walter Siti

Walter Siti

Veniamo infine all’ultima edizione del Premio Strega (2013), che ha visto vincere Walter Siti con Resistere non serve a niente, un romanzo d’impegno civile sorretto dalla nota qualità artistica e intellettuale dell’autore. Una premiazione che sembra voler tentare di restituire senso all’avventura iniziata sessantasei anni fa: la qualità dell’opera – che intende narrare una contemporaneità complessa e internazionalizzata, che nemmeno l’autore sembra comprendere a fondo – è decisamente superiore alle edizioni precedenti, al punto che il romanzo, in sé considerato, potrebbe guadagnare la classe di rating A.

Tuttavia, i fattori che stanno alla base delle nostre valutazioni sono riferiti al Premio Strega nel suo concreto funzionamento e nel complesso delle sue prospettive future (cosiddetto outlook), che attualmente restano negative. La capacità di questa istituzione letteraria di imprimere un vero impulso alla cultura del Paese – e non alla pura vanità degli scrittori e organizzatori, nonché all’interesse economico del sistema editorial-mediatico – appare gravemente menomata, dunque ancora teorica.

Pertanto, il rating 2013 del Premio Strega è BBB+, con outlook negativo.

Strega

Il valore letterario delle opere messe in concorso risulta complessivamente medio-popolare, omologato a valori e sensibilità non originali, già codificati e restituiti in maniera riconoscibile dalle altre realtà mediatiche esistenti. Da qui, l’insufficienza dell’apporto artistico e culturale offerto da tali opere alla coscienza nazionale, da cui consegue l’inconsistenza del ruolo ad esse attribuito.

Le stesse dinamiche interne di funzionamento del Premio risultano burocratiche – aspetto poco compatibile con la promozione dell’arte e della cultura – e palesemente asservite a obiettivi di mercato e al sistema di pesi e contrappesi tipico del nostro apparato editoriale: da qui l’auto-referenzialità e la sostanziale estraneità alla missione per la quale il Premio venne istituito.

A puro titolo esemplare e riassuntivo, riportiamo qui alcune considerazioni giornalistiche:

http://sottoosservazione.wordpress.com/2009/06/25/memorie-di-una-stregahttp://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/arte_e_cultura/2013/13-marzo-2013/inge-feltrinelli-accusa-strega

(2 – fine)

Annunci

2 thoughts on “File 65: rating del Premio Strega

  1. Pingback: Tevis & Partners: l’agenzia che ti racconta editoria e cultura… senza sconti. | giramenti

  2. Pingback: File 79: downgrading del Premio Strega 2014 | TEVIS & PARTNERS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...